Thpanorama

Come respirano i funghi? Tipi, classificazione e fasi

 

 

ilRespirazione dei funghi Varia a seconda del tipo di fungo che stiamo osservando. Nella biologia i funghi sono conosciuti come uno dei regni della natura in cui possiamo distinguere tre grandi gruppi: muffe, lieviti e funghi.

 

I funghi sono organismi eucarioti composti da cellule con un nucleo ben definito e pareti di chitina. Inoltre, sono eterotrofi per assorbimento (digestione esterna); gli animali sono anch'essi eterotrofi ma per ingestione (digestione interna).

 

Ci sono tre grandi gruppi di funghi, lieviti, muffe e funghi. Ogni tipo di fungo respira in un certo modo, come visto di seguito.

 

Forse potresti essere interessato Come si nutrono i funghi?

 

Tipi di respirazione fungina

La respirazione cellulare o la respirazione interna, sono un insieme di reazioni biochimiche mediante le quali determinati composti organici attraverso l'ossidazione vengono convertiti in sostanze inorganiche che forniscono energia alla cellula.

 

All'interno della comunità dei funghi troviamo due tipi di respirazione: aerobica e anaerobica.

 

La respirazione aerobica è quella in cui l'accettore di elettroni finale è ossigeno che sarà ridotto all'acqua.

D'altra parte troviamo la respirazione anaerobica, che non deve essere confusa con la fermentazione, poiché in quest'ultima non esiste una catena di trasporto degli elettroni. Questo respiro è quello in cui la molecola utilizzata per il processo di ossidazione non è ossigeno.

Respirare i funghi per classificazione

 

Per rendere più semplice la spiegazione dei tipi di respirazione, faremo la classificazione in base ai tipi di funghi.

 

lieviti

Questo tipo di funghi sono caratterizzati come organismi unicellulari, il che significa che sono composti solo da una cellula.

 

Questi organismi possono sopravvivere senza ossigeno, ma quando c'è ossigeno lo respirano anaerobicamente di altre sostanze, non prendono mai ossigeno libero.

 

La respirazione anaerobica è l'estrazione di energia da una sostanza, utilizzata per ossidare il glucosio e quindi l'adenosina trifosfato, noto anche come adenosina fosfato (in seguito ATP). Questo nucleodite è responsabile per ottenere energia per la cellula.

Questo tipo di respirazione è anche noto come fermentazione e il processo che segue per ottenere energia attraverso la divisione delle sostanze, è noto come glicolisi.

 

Nella glicolisi, la molecola di glucosio viene scomposta in 6 atomi di carbonio e una molecola di acido piruvico. E in questa reazione vengono prodotte due molecole di ATP.

 

I lieviti hanno anche un certo tipo di fermentazione, che è nota come fermentazione alcolica. Rompendo le molecole di glucosio per ottenere l'energia, si produce etanolo.

La fermentazione è meno efficace della respirazione perché richiede meno energia dalle molecole. Tutte le possibili sostanze utilizzate per l'ossidazione del glucosio hanno meno potenziale

Stampi e funghi

 

Questi funghi sono caratterizzati dall'essere funghi multicellulari. Questo tipo di fungo ha una respirazione aerobica.

 

La respirazione ti consente di estrarre energia da molecole organiche, principalmente glucosio. Per estrarre l'ATP, è necessario ossidare il carbonio, per questo viene usato l'ossigeno proveniente dall'aria.

L'ossigeno passa attraverso le membrane plasmatiche e quindi il mitocondrio. In quest'ultimo unisce elettroni e protoni di idrogeno, formando acqua.

Fasi della respirazione fungina

 

Effettuare il processo di respirazione nei funghi viene effettuato in fasi o cicli.

 

glicolisi

Il primo stadio è il processo di glicolisi. Questo è responsabile dell'ossidazione del glucosio per ottenere energia. Dieci reazioni enzimatiche sono prodotte che convertono il glucosio in molecole di piruvato.

Nella prima fase della glicolisi, la molecola di glucosio viene trasformata in due molecole di gliceraldeide, utilizzando due di ATP. L'uso di due molecole di ATP in questa fase, consente di duplicare l'ottenimento di energia nella fase successiva.

 

Nella seconda fase, il gliceraldede ottenuto nella prima fase viene convertito in un composto ad alta energia. Attraverso l'idrolisi di questo composto, viene generata una molecola di ATP.

 

Dato che avevamo ottenuto due molecole di gliceraldeide nella prima fase, ora abbiamo due di ATP. L'accoppiamento che avviene, forma altre due molecole di piruvato, quindi in questa fase otteniamo finalmente 4 molecole di ATP.

Ciclo di Krebs

 

Una volta terminato lo stadio della glicolisi, passiamo al ciclo di Krebs o al ciclo dell'acido citrico. È una via metabolica in cui avvengono una serie di reazioni chimiche che liberano l'energia prodotta nel processo di ossidazione.

 

Questa è la parte che esegue l'ossidazione di carboidrati, acidi grassi e amminoacidi per produrre CO2, al fine di rilasciare energia in modo utilizzabile per la cellula.

Molti degli enzimi sono regolati dal feedback negativo, dal legame allosterico dell'ATP.

 

Questi enzimi includono il complesso di piruvato deidrogenasi che sintetizza l'acetil-CoA necessario per la prima reazione del ciclo da piruvato da glicolisi.

 

Anche gli enzimi citrato sintasi, isocitrato deidrogenasi e α-chetoglutarato deidrogenasi, che catalizzano le prime tre reazioni del ciclo di Krebs, sono inibiti da alte concentrazioni di ATP. Questa regolazione rallenta questo ciclo di degradazione quando il livello di energia della cellula è buono.

Alcuni enzimi sono anche regolati negativamente quando il livello di potere riducente della cellula è alto. Pertanto, i complessi piruvato deidrogenasi e citrato sintasi sono regolati, tra gli altri.

Catena di trasporto degli elettroni

 

Una volta che il ciclo di Krebs è finito, le cellule fungine hanno una serie di meccanismi di elettroni che si trovano nella membrana plasmatica, che mediante reazioni di riduzione-ossidazione producono cellule ATP.

 

La missione di questa catena è creare una catena di trasporto di un gradiente elettrochimico che viene utilizzato per sintetizzare l'ATP.

Le cellule che hanno la catena di trasporto degli elettroni per sintetizzare l'ATP, senza la necessità di utilizzare l'energia solare come fonte di energia, sono conosciute come cheyotrophs.

 

Possono usare i composti inorganici come substrati per ottenere energia che sarà utilizzata nel metabolismo respiratorio.

 

riferimenti

  1. CAMPBELL, Neil A., et al. Biologia essenziale.
  2. ALBERTS, Bruce, et al.Mecologia molecolare della cellula. Garland Publishing Inc., 1994.
  3. DAVIS, Leonard, metodi di base in biologia molecolare. Elsevier, 2012.
  4. BIOLOGICI CONDIVISI DA PROCARIOTI, Principi. SEZIONE I PRINCIPI DI MICROBIOLOGIA. 1947.
  5. HERRERA, TeófiloUlloa, et al.Il regno dei funghi: micologia di base e applicata. Messico, MX: Università Nazionale Autonoma del Messico, 1998.
  6. VILLEE, Claude A; ZARZA, Roberto Espinoza; AND CANO, Gerónimo Cano.Biología. McGraw-Hill, 1996.
  7. TRABULSI, Luiz Rachid; ALTERTHUM, Flavio.Microbiology. Atheneu, 2004.