Regno:   Funghi

Classe:  Basidiomicetes

Ordine:  Russulales

Familia: Russulaceae

Genere:  Lactarius

La Specie tipo è:

 

Lactarius piperatus 

 

 

 

 

 

Lactarius piperatus (L.:Fr.) Persoon

 

I Lattari sono funghi ectomicorricici, molto spesso legati in simbiosi con una sola essenza vegetale arborea o arbustiva.

Come le Russule, la carne ha frattura gessosa, simile a gesso o polistirolo, pechè è costituita prevelentemente da cellule subglobose (sferociti) e secerne un latice di sapore, colore e viraggio variabili.

Crescono in tutto il mondo ad eccezione delle aree polari e dei deserti.

Caratteristiche morfologiche:

- trama (carne) omogenea;

- dimensioni da molto piccole a molto grandi(1-40 cm);

- cappello multicolore, da convesso a imbutiforme; viscido o asciutto; può essere decorato da zonature,    guttule, scrobicoli e peli (specialmente al margine).

- lamelle adnate o decorrenti, biancastre, grigiastre, ocracee, arancione; secernono un latice in       

  quantità, consistenza, sapore (come quelli della carne), colore e viraggio variabili. 

- gambo solitamente è più corto del diametro del cappello, può presentare guttule e/o scrobicoli.

- sapore dolce, acre, piccante o amaro;

- odori molto diversi, spesso molto caratteristici e utili al fine della determinazione.

 

La determinazione delle Specie in base ai soli caratteri morfologici ed ecologici (habitat) è relativamente agevole nella maggioranza dei casi a condizione di possedere un po' di esperienza.        Nei Sottogeneri: Russularia (Fr.) Kauffman e Rhysocybella Bon sono comprese alcune Specie, con colorazioni dal rosso-aranciato al rosso-brunastro, la cui determinazione è abbastanza complessa anche con l'utilizzo, indispensabile, del microscopio che utilizzeremo per valutare le spore (forma, dimensione e decorazioni) e la cuticola del cappello.

Il colore del latice e il viraggio in seguito ad essiccazione sulle lamelle o isolato su carta è determinante ai fini della individuazione della sezione ed è il primo passo per la determinazione della specie.

Per qualche Specie è utile verificare la reazione della carne al contatto con reagenti basici (KOH). 

Nota sulle fotografie della galleria:

- i colori delle foto sono reali ma non rappresentano tutta la variabilità delle specie che nel Genere    Lactarius è però abbastanza stabile anche nei diversi stadi di maturazione ed è dovuta               

  prevalentemente alle condizioni climatiche.

- le brevi note alla base delle fotografie, descrivono i caratteri che personalmente considero come     

  orientamento preliminare nella determinazione della sezione cui potrebbe appartenere la specie che ho    raccolto. Riguardano prevalentemente: habitat, dimensioni, sapore, odore, caratteristiche del latice.  Per completare la determinazione bisognerà dunque confrontare attentamente tutti i caratteri della nostra specie con le descrizioni riportate nelle pubblicazioni sotto indicate o in altre tra le numerose disponibili.

Bibliografia essenziale:

"Lactarius Pers." M. T. Basso ed Mycoflora Alassio 1999

"The genus Lactarius" Clausen,Verbeken,Vesterholt ed.Laessoe et altri 2000

"I Lattari" R. Galli ed. dalla Natura 2006

"Atlante fotografico dei Funghi d'Italia" V 1-3 C. Papetti et altri AMB TN

"Funghi d'Italia" A. Boccardo e altri Ed. Zanichelli BO 2008